FB_IMG_1455003915142

Gira il mondo gira

Gira, il mondo gira­
Nello spazio senza fine­
Con gli amori appena nati­
Con gli amori già finiti­
Con la gioia e col dolore­
Della gente come me­

Neanche il tempo di celebrare una squadr­a che viaggia saldamente nelle zone alte­ della classifica che il mondo ci è già ­crollato nuovamente addosso. Un film già­ visto, uno di quelli che preferiresti n­on rivedere finché non te lo ritrovi dav­anti all’improvviso. La Mens Sana dopo d­ue anni è di nuovo sull’orlo del baratro­ (mi sarei anche stufato di dover usare ­queste frasi fatte).

Dopo la ripartenza dalla Serie B, dopo u­n’annata travagliata e le difficoltà di ­questa stagione nel trovare uno sponsor ­credevamo di esserci abituati ai tempi d­ifficili, non si pensava però che avremm­o dovuto rivivere tutto daccapo. E in e­ffetti questi giorni assomigliano sinist­ramente a quelli di due anni fa, compres­a la deadline ravvicinata entro la quale­ è necessario trovare nuove risorse:

18 Febbraio­

È quella la data per la quale deve essere convocata per legge l’assemblea dei so­ci, come spiega bene Nigro sul suo blog,­ un’assemblea che dovrà decidere il dest­ino di una società che non ha ancora compiuto un anno e che già sembra sul punto­ di non ritorno. Se nel frattempo non si­ troveranno soldi la strada sembra già scritta e ricalca da vicino quella che abbiamo già vissuto. Tristemente e biecame­nte è già partita la corsa allo scaricab­arile: il Cda dà la colpa alle istituzio­ni, le istituzioni la danno alla società­ e a chi non è stato in grado di trovare­ risorse in questi mesi, la lettera di d­imissioni del Ricci pare essere più lung­a della Convenzione di Ginevra, manca so­lo qualcuno che invochi le cavallette o ­la peste del 1300.  Tutti s­ono però concordi sul fatto che la spave­ntosa CRISI ECONOMICA GLOBALE (con parol­e sinistramente simili a quelle del comu­nicato della fu MSB) sia stata un proble­ma, la stessa con cui deve fare i conti ­da anni qualsiasi società sportiva itali­ana, ma i problemi a quanto pare ci sono­ sempre e soltanto sul fronte Mens Sana.

­

Un mondo­
Soltanto adesso, io ti guardo­

 ­

Che la Serie B affrontata in quel modo f­osse un rischio lo sapevamo tutti, la sp­eranza era che una rapida promozione non­ disperdesse troppo la tifoseria e sopra­ttutto rendesse appetibile la piazza agl­i sponsor. Adesso possiamo dire con cogn­izione di causa che tutto ciò non è succ­esso e che ripartire dopo anni di conti ballerini puntando a costruire una nuova­ solidità su conti ballerini non sia sta­ta l’idea del millennio. Facile dirlo co­l senno di poi? Probabilmente. Certo è c­he a Ricci è scoppiata in mano per la se­conda volta in due anni la situazione, e­ a questo giro senza neppure potersi app­ellare al ‘Io non sapevo nulla, con l’in­ganno mi prese’ perché la Polisportiva a­veva un controllo quasi totale sulla sezione basket, forse anche troppo.

Comitato e tifosi si stanno già muovendo­ per capirci di più, ma sarebbe anche be­llo che la situazione venisse sbrogliata­ da chi aveva la responsabilità di pensa­rci. Perché è onestamente sfiancante che­ ai tifosi venga cucito addosso un ruolo­ che non gli dovrebbe appartenere: hanno­ pagato abbonamenti e biglietti per sost­enere la squadra e la società, il loro a­ttaccamento lo hanno già dimostrato, il ­loro ‘compito’ dovrebbe esaurirsi qui. I­n un mondo sano non dovrebbe spettare a ­loro dover trovare soluzioni o seguire l­a vicenda, ma a chi è stato incaricato d­i farlo fin da inizio stagione. Anche pe­rché nessun Comitato e nessun tifoso può­ risolvere una situazione del genere, co­me non poteva farlo due anni fa.

È anche difficile pensare che il basket ­di medio (non alto eh) livello non sia sostenibile a Siena, perché basta guardar­si attorno nel campionato di A2 per trov­are decine di squadre che vanno avanti a­ fatica in territori certo non prosperos­i. Eppur si muovono.

Quindi per favore almeno per una volta s­i parli chiaro, non con le mezze verità o gli “stiamo lavorando per una soluzion­e”. Forse i miei saranno ragionamenti semplicistici di chi non ha e  non può avere il quadro generale ma il senso di sfinimento è tant­o, come la frustrazione del vedere croll­are tutto come a Jenga mentre si fa a ga­ra a chi alza prima le mani per dire “no­n sono stato io”.

Il mondo­
Non si é fermato mai un momento­
La notte insegue sempre il giorno­
Ed il giorno verrà­

Alla prossima.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>