Villabiagio non sarà San Siro, ma la passione è sempre la stessa. Prendo la sciarpe e vengo da te Siena alèèè!!!! Fonte: Nicola Natili
Villabiagio non sarà San Siro, ma la passione è sempre la stessa. Prendo la sciarpe e vengo da te Siena alèèè!!!! Fonte: Nicola Natili

Pro&Contro: Villabiagio – Siena

Eccoci anche questa settimana a commentare l’ennesima vittoria della Robur (e sono sei). Domenica la gara ha mostrato molte insidie per i bianconeri che solo nel finale sono riusciti  a piegare l’ostico Villabiagio. Le emozioni si sono avute tutte nei minuti finali del primo ( 40′ goal del villabiagio, 41′ pareggio di Russo) e del secondo tempo (80′ goal del sorpasso di Cason e 93′ goal della sicurezza di Varutti). Nel mezzo la partita è stata molto equilibrata con un Siena come da copione, a fare la partita e un Villabiagio a giocare di rimessa. Entrambe le squadre hanno avuto occasioni ghiotte per poter segnare. Alla fine il momento decisivo della partita è stata proprio la rete dell’immediato pareggio degli uomini di Morgia che ha permesso agli umbri di non scappare. Nella ripresa girandola di cambi da entrambe le parti e dopo alcuni contropiedi del Villabiagio, la Robur è riuscita trovare il vantaggio, proprio quando la partita sembrava avviarsi verso il pareggio.

Lancio per Bigoni, stavolta troppo lungo. Fonte: Nicola Natili
Lancio per Bigoni, stavolta troppo lungo.
Fonte: Nicola Natili

PRO

Domenica Morgia ha buttato nella mischia Bigoni, abile e arruolabile, scendendo in campo con una squadra a trazione anteriore. Purtroppo il n°9 è dovuto uscire anzi tempo per una distorsione. Morgia è stato come al solito abile, durante la partita, a cambiare più volte modulo. In questo aiutato anche dalla duttilità e dalla disponibilità degli uomini in campo. Il 4-2-3-1 iniziale, schierato dal mister ha portato molti dei nostri giocatori nella metà campo avversari ma forse ha agevolato il compito dei difensori del Villabiagio, intasando ancora di più gli spazi. Con alcuni cambi e aggiustamenti nella ripresa, il Siena è ritornano poi al 3-4-3 e la manovra è migliorata.
In attacco continua a segnare Russo alla quarta rete  in quattro incontri, tutte pesantissimi. La sua qualità migliore è la rapidità sotto porta, uno, massimo due tocchi e la palla è in rete. Minincleri continua a guidare l’attacco con la solita classe e Santoni è stato il solito furetto sulla fascia. Difesa. contro il Villabiagio dobbiamo registrare il secondo goal di Cason in trasferta, su calcio piazzato. Il centrale bianconero ha segnato l’ennesimo goal decisivo che ha spostato l’equilibrio della partita a favore dei bianconeri (come a Trestina). Bravo anche Varutti, che segna la sua prima rete. Forse domenica non è stata una delle sue migliori prestazioni, ma si meritava di segnare per tutto quello che ha fatto vedere fino a qui. Citazione anche per Zane che ha contrastato e fatto ripartire la manovra bianconera con passaggi precisi, garantendo nello stesso tempo equilibrio a una squadra votata all’attacco.
Stacco imperioso di Cason, che spazza l'area. Baluastro Fonte: Nicola Natili
Stacco imperioso di Cason, che spazza l’area. Baluastro
Fonte: Nicola Natili

CONTRO

Forse nessuno si aspetta un Villabigio così combattivo e coriaceo. I bianconeri hanno faticato parecchio a scardinare la difesa umbra, attenta e abile nel rilanciare il più velocemente possibile le punte. La difesa ha sofferto sopratutto quando hanno dovuto contrastare giocatori rapidi e veloci. Inoltre alcuni svarioni, avrebbero potuto costarci caro. Per fortuna Viola e la mira sbagliata degli attaccanti del Villabiagio hanno evitato il peggio. A centrocampo Diomandè, che ci aveva abituato bene, oggi è stato più impreciso del solito.  In attacco, domenica, Titone ha brillato meno del solito, ma ha comunque costituito uno spauracchio per la difesa perugina. Si rifarà a partire dalla prossimo match ne siamo certi.
La Robur, nell’ultima gara, nonostante il gioco sia stato meno brillante del solito, ha messo in mostra l’arma in più di sempre, ovvero la grinta e la voglia di non mollare mai e credere sempre nella vittoria. In questo aiutata dal caloroso pubblico senese che come sempre è giunto in massa al seguito della squadra. La  banda Morgia è riuscita  a seguire il solco tracciato, la stagione scorsa, dalla squadra guidata da mister Beretta, che nonostante le difficoltà incarnava la voglia di rivalsa degli sportivi senesi. Morgia e Beretta allenatori di due squadre di ultrà.
Villabiagio non sarà San Siro, ma la passione è sempre la stessa. Prendo la sciarpe e vengo da te Siena alèèè!!!! Fonte: Nicola Natili
Villabiagio non sarà San Siro, ma la passione è sempre la stessa. Prendo la sciarpe e vengo da te Siena alèèè!!!!
Fonte: Nicola Natili
Domenica prossima arriverà al rastrello il Sansepolcro, che dopo due sconfitte consecutive è scivolato indietro in classifica. A Siena verranno con la voglia di rivincita, dopo la sconfitta di misura patita in coppa Italia. Sicuramente sarà un’altra battaglia per la vecchia Robur.
Sperando che l’infermeria bianconera si svuoti al più presto, e che arrivino ulteriori rinforzi dal mercato invernale, dovremo continuare a vincere, per poter rimanere in testa alla classifica e distanziare le altre pretendenti alla vittoria del campionato.
Alla prossima.
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>