Tagged maceratese

maceratese_siena-200x150

PRO&CONTRO: Maceratese vs Siena

Seconda gara della Robur in questa poule scudetto. Domenica i bianconeri, ancora a domicilio, sono stati impegnati nella tana dell’imbattuta Maceratese. Anche contro i marchigiani la robur ha sciorinato un’altra bella prestazione, nella quale sono mancati solo i goals. Le novità in campo sono Giovanelli terzino e Mileto spostato a centrocampo, come a Bastia; Rascaroli riproposto nel ruolo di ala. La squadra, libera mentalmente dalle pressioni, è partita subito all’attacco chiudendo i locali nella propria metà campo. buone trame di gioco veloci e precise hanno più volte messo i brividi ai tifosi di casa. In più di un’occasione l’estremo difensore della maceratese si è dovuto superare. A turno i vari Titone (al 18′ traversa piena) Zane e Mileto hanno tentato di trovare la rete, ma senza troppa fortuna. Nella ripresa il ritmo è calato ma è sempre la Robur a fare la gara. Al 21′ la Maceratese in una delle sue poche uscite, prende il palo. Al 26′ il Siena risponde a sua volta con un altro legno da parte di Zane. Nel frattempo entrano in campo Crocetti per Russo e poi Nocentini per Varutti. La gara dopo questi due ultimi sussulti si avvia verso il pareggio. Entrambe le squadre infatti con questo risultato sarebbero qualificate per la le semifinali scudetto, e allora si decide che è meglio non farsi del male. Al triplice fischio sia i bianconeri che i biancorossi accedono alle semifinali con Castiglione e Akragas.

slalom con palla incollata al piede per Rascaroli,  che si libera di due avversari. Fonte: Nicola Natili
slalom con palla incollata al piede per Rascaroli, che si libera di due avversari.
Fonte: Nicola Natili
PRO
Cosa dire, i ragazzi ora che sono liberi mentalmente stanno esprimendo tutto quello che hanno appreso sotto la guida di Morgia e del suo staff. L’assenza di Minicleri non si è fatta mai sentire e la squadra sta giocando a memoria, ormai. La difesa sembra aver blindato la porta, difesa da Fontanelli,  che anche domenica quando è stato chiamato in causa, ha risposto presente. Zane e Riva, coppia ormai collaudata, sono i padroni del centrocampo bianconero, e chi gli gioca a fianco non può che trarne giovamento. In attacco, Titone, dopo tutta la stagione, ha ancora energie da spendere, ed è diventato il vero trascinatore del Siena in questa poule scudetto. Un plauso poi va ai 150 supporters bianconeri calati in quel di Macerata, per sostenere la squadra, nonostante un tempo inclemente.
bordata di Titone che passa tra un nugolo di avversari. Fonte: Nicola Natili
bordata di Titone che passa tra un nugolo di avversari.
Fonte: Nicola Natili
CONTRO
Ormai la squadra ha acquisito sicurezza gli errori, quando ci sono, sono frutto della troppa sicurezza. Nei contri allora possiamo inserire semmai, la scarsa mira dei bianconeri che anche domenica scorsa come in altre occasioni potevano portare a casa i tre punti. Ci auguriamo per le prossime volte di non dover proprio scrivere niente nei Contro.
Tempo infame, tempo da battaglia, ovviamente uno come Portanova non può che rispondere presente. Il capitano stacca di testa per cacciare il pallone lontano dalla zona di pericolo. Fonte: Nicola Natili
Tempo infame, tempo da battaglia, ovviamente uno come Portanova non può che rispondere presente. Il capitano stacca di testa per cacciare il pallone lontano dalla zona di pericolo.
Fonte: Nicola Natili
Con il pareggio ottenuto sul difficile campo della maceratese, la squadra di Morgia è avanzata alle final four della puole scudetto. Le altre tre squadre arrivate in semifinale sono la maceratese, l‘Akragas I e  il Castiglione . Nonostante il titolo di campione d’Italia della LND sia puramente formale; come ha detto Morgia, la squadra ha sempre giocato per vincere e lo farà fino al termine di questo mini torneo. Nel frattempo sul lato societario non ci sono ancora buone nuove e le scelte per il prossimo futuro sembrano rimandate alla fine della puole scudetto.
Alla prossima.
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather